ARRAMPICATA SPORTIVA

L’attività in ambiente sul verticale più popolare in tutto il mondo conta oggi milioni di praticanti tra i 3 e i 100 anni. Proprio così, perché la scalata è un istinto innato nei bambini prima ancora che camminino. Si tratta, nella maggior parte dei casi, di risvegliarlo e svilupparlo, molto più semplice nei bambini, un po’ meno negli adulti, ma, con l’aiuto del metodo basato sulla consapevolezza del proprio corpo nello spazio e con esercizi mirati allo sviluppo della propriocettività, trasformeremo l’istinto e l’automatismo in percezione ed azione volontaria.

L’ARRAMPICATA SPORTIVA È IL MODO PIÙ SEMPLICE…

…e con meno rischi per approcciarsi al terreno verticale. Spesso si inizia da una sala indoor per uscire poi sulla roccia naturale di falesie di altezza compresa tra i 10 e i 40 metri. Il suo successo è proprio derivato dall’accessibilità e da una lista di materiale necessario limitata. Ciononostante, consigliamo vivamente di approcciarsi ad essa con il giusto metodo basato su un insieme di conoscenze tecniche sui materiali e sul loro uso alle tecniche di progressione indispensabili per guadagnare dislivello verticale con la miglior efficacia e minor dispendio energetico. A questi due grandi macro-argomenti le nostre Guide Alpine e ‘Maestri’, aggiungeranno nozioni a 360° di carattere geografico, morfologico, attitudinale e con attenzione alle statistiche di incidente per prevenire problemi e diventare arrampicatori con braccia, ma soprattutto, con testa e cultura generale. Pur essendo un’attività a basso rischio si tratta di un’attività in ‘altezza’ e, come tale, include tutta una serie di pericoli intrinsechi e imprescindibili.

L’ARRAMPICATA HA IMPORTANTI RISVOLTI SOCIALI…

…e viene utilizzata anche per terapie individuali che aiutino a credere in sé stessi, a mettersi in gioco, a superare scogli e paure. Una volta provata è una di quelle attività che, nella maggior parte dei casi, crea dipendenza proprio per le sensazioni positive che lascia in ognuno di noi. Non per niente è una delle attività cardine dell’outdoor terapia. Una volta che si lascia l’orizzontale i pensieri sono al 100% rivolti all’immediato presente, si focalizza l’obiettivo sulla porzione di roccia a lunghezza di braccio, si superano le difficoltà una alla volta e si lasciano alle spalle preoccupazioni e pensieri negativi. In più si condivide il tempo con le persone più care, nelle serate estive, nei week-end, nei viaggi e nelle vacanze. Ovunque, nel mondo, troverai una falesia da scalare e da usare come pretesto per star bene e per scoprire luoghi e gente.

error:

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti per rimanere sempre aggiornato sulle attività in programma e tutte le news.