dal blog

>
Laboratorio dell’Alpinismo

Laboratorio dell’Alpinismo

Tra l’iconica Punta della Rossa e il meno famoso Pizzo Crampiolo, vette
rocciose a corona dell’ancora più rinomata conca dell’Alpe Devero, si trova
una bastionata del più bel serpentino rosso del pianeta.

La sua particolarità è quella di offrire una rugosità eccezionale ma,
soprattutto, una morfologia unica. Crepe, fessure, incisioni, tasche, buchi
offrono appigli ed appoggi ma, anche, il posizionamento di protezioni veloci
o chiodi classici. La conformazione, spesso, a diedri e fessure, indica, da
lontano linee di salita logiche e naturali ma è, avvicinandosi, che si
possono scoprire sequenze di fessurine che, concatenate insieme, possono
permettere la scalata in stile pulito senza l’ausilio di perforatore e con
una naturalità quasi unica sulle Alpi. Si tratta di un terreno, quindi, dove
lo scalatore può mettere in pratica la propria fantasia ed esperienza in
funzione del proprio livello.

Le vie di scalata vanno dai 100 ai 150 metri, dai 3 alle 5 lunghezze di
corda, dal III grado al 6c. Le prime vie aperte risalgono agli anni ’60 ma
continue aperture recenti dimostrano le potenzialità ancora non totalmente
espresse di quest’area.

Questo luogo è molto caro a OOS e merita successivi approfondimenti.
Vogliamo stimolarti a venire a frequentarlo con noi per apprendere l’arte
dell’alpinismo.

Condividi:

Share on facebook
Share on twitter
Share on telegram
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
error:

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti per rimanere sempre aggiornato sulle attività in programma e tutte le news.